Una raccolta di pensieri.

giovedì 19 aprile 2012

Delusa.

Ascolto la canzone di Arisa, "La notte" .. E mi soffermo sulla frase "nè vincitori nè vinti, si esce sconfitti a metà".
Penso sia proprio vero.
Tu puoi continuare a dare gomitate, a cercare di superare tutti quanti con quella che ti sembra "furbizia", puoi continuare a ferire quelle che erano tue amiche, se vuoi. Puoi anche pensare che primeggiare e mettersi in mostra sia la cosa migliore da fare. Puoi continuare a perdere amicizie, se pensi che un 10 in più in una materia possa cambiarti la vita.
Sì, è vero.
Credi che alla fine sarai la vincitrice, tu, che a costo di diventare la migliore stai solo peggiorando.
Sei una persona peggiore.
Ma se pensi che ne valga la pena, continua pure.
Poi, finita scuola, cosa ti rimane?
E a noi, stupide inferiori banali ex amiche, cosa rimane? Solo il ricordo di una ragazza sulla quale hanno vinto la competizione e l'invidia. Ecco chi vince veramente.
Non capisco perché.
Anzi, non capisco come tu possa abbandonare le amicizie, le risate e la simpatia solo per la tua ambizione, quella di avere una media di voti alta.
Ti rendi conto?
E poi a me cosa dovrebbe importare di questo tuo comportamento?
Cosa?
In teoria niente. Ma in pratica sono veramente DELUSA.
Continua a metterci da parte, continua a darci gomitate, continua a comportarti male, continua ad essere egoista, continua a sfiorare la cattiveria ogni volta che dici o fai qualcosa. Continua e prova a superarci.
Dai.
Scommetto che se esistesse un materia come "comportamento umano" prenderesti il debito.
Almeno in lealtà e sincerità ti battiamo. Non ci vuole molto, comunque.

Non avrei mai pensato che sarei riuscita a pensare tutte queste cose su di te.

Hai paura?
Hai paura di sentirti inferiore?
O hai paura dei tuoi genitori, che potrebbero rimanere delusi?
Guarda, fai come ti pare.
Il tuo mondo perfetto da brava ragazza buona e gentile è solo l'impressione che dai agli altri. E' solo un mondo normale coperto da una guaina di falsità e stupidità.
Sì, perché ti rivelo una cosa molto triste: alla fine quella più stupida sei tu.

Tanto basta prendere 10 e far credere ai prof che sei superiore.
Ma non funzionerà sempre così.
Prima o poi i tuoi amici faranno come me, si stancheranno.
Sì, non c'è nessun vincitore, non ci sono sconfitti. Alla fine ti sentirai una persona a metà. L'altra metà sarà occupata dal niente assoluto.
Ma a me che importa? Io rido, gli amici mi vogliono veramente bene, non mi usano solo come vicina di banco per copiare i miei compiti.
Ah, già, dimenticavo.. Tu non fai nemmeno copiare.
Giusto, dimenticavo: SOLO TU puoi essere la più brava.

Ok, continua. Poi capirai, lo spero per te, che ti stai perdendo un sacco di cose belle.

.."si esce sconfitti a metà".

Tu non mi sconfiggi. Io ti ho capito, ho capito i tuoi giochetti e la tua invidia.
Io non ci casco.
Ciao, ciao prima donna, ciao ragazzina schiava della scuola, ciao persona povera. Apri il tuo cervello.
Perché se studi un sacco non significa che sei intelligente.
Noi almeno ridiamo.
Almeno ridiamo.
Ridiamo. E scriviamo i versi degli animali sui pezzi di carta, e buttiamo per terra tutto quello che troviamo sul banco per fare i dispetti come i bimbi piccoli, e facciamo i compiti in gruppo (sì, i compiti in classe), e abbiamo un nostro pensiero sulla società, e sulla politica, e poi ci ritroviamo a casa di qualcuno a vedere i film horror, e imbrattiamo i nostri libri con disegni sconci, e poi, sì, passiamo un sacco di tempo con i nostri ragazzi, e diciamo le bugie ai nostri genitori, e lottiamo per avere qualcosa, e litighiamo tantissimo.
Ma noi almeno ridiamo. Perché siamo veri amici. Siamo noi stessi, non abbiamo nessuna doppia faccia, ci diamo consigli, condividiamo questa stupenda fase della vita chiamata adolescenza.
Tu non hai nessuno tranne la tua brama di essere LA PRIMA.
Bene, fai pure.

Provi ad essere la migliore ma stai solo peggiorando.

Tranquilla, l'amicizia non è tutto.
Basta che sei felice. Ma ho dubbi anche su questo.
Sempre a vedere gli altri! SEMPRE! Cosa fanno, dove vanno, con chi parlano, QUANTO PRENDONO!
Smettila.
O continua.
Come vuoi.

Questo è solo per dirti che pensavo fossi più intelligente.

2 commenti:

  1. Questo post mi ha fatto riflettere un sacco...
    In parte anche perché come sai ho delle gran smanie di perfezione e protagonismo... e quindi la persona di cui parli mi ricorda in alcuni momenti me stessa.
    Poi, arrivata alla parte in cui parlavi della vita e dell'adolescenza in generale, mi ci sono rispecchiata anche lì, e quindi ho tirato un sospiro di sollievo.
    Ad ogni modo... è una gran brutta cosa quando la smania di competizione vince sui veri valori di una persona. E' come smettere di avere un'anima.

    RispondiElimina
  2. Non so cosa ti abbia portato a scrivere tutto questo, ma vorrei sapere se la tua "ex amica" sa quello che pensi.

    RispondiElimina