Una raccolta di pensieri.

giovedì 1 dicembre 2011

Pensieri confusi / 1

A volte mi stanco di tenere gli occhi aperti, le orecchie tese. Perdo la voglia di parlare con le persone e di sembrare interessata ai loro discorsi. Sono stanca. Tipo stasera. Non è una stanchezza fisica, la chiamarei piuttosto "perdita di interesse per ciò che mi circonda". Non mi interessa più cosa sto mangiando, chi sta parlando, cosa sta dicendo. Non mi interessano il divano, la tv, il cellulare, la lavastoviglie, il tavolino, la crepa del muro, le scale, il quaderno.. Ignoro completamente lo zaino, gli occhiali, il cuscino, la radio, il libro.. Ma non capita spesso. Solo quando le persone con cui vivo non stanno bene. Tipo stasera. C'è nervosismo nell'aria, lo percepisco e non è bello. Ho un sacco di pensieri che non c'entrano niente con il mondo in cui mi trovo, ma che non smettono di gironzolare nel mio cervello. Stasera non sapevo cosa scrivere e ho scritto questo. Che forse non significa niente. Continuo a ignorare le cose e non vedo l'ora che arrivi domani. Non mi va più di tenere gli occhi aperti, vorrei fare un discorso con il gatto ma lui non sa parlare. Vorrei uscire dalla porta, dal cancello, e mettermi a correre per la strada. E viaggio..

1 commento:

  1. ...ma sai anche che c'è sempre una porta aperta, semmai scappando vorrai fermarti un attimo a riposare... :) so di che parli... io ho la mia solitaria baita immaginaria in un bosco norvegese, rifugio nei pomeriggi tristi e nelle sere malinconiche... era passato quel periodo ma ci vado un po' troppo spesso ultimamente..:)

    RispondiElimina